Rambo (First Blood)

Locandina-Cover-Rambo-First-Blood

Rambo (First Blood), film statunitense del 1982 con Sylvester Stallone, regia di Ted Kotcheff. (…continua↓)

Di-cancro-Se-le-portato-dietro-dal-Vietnam-con-quei-gas-che-Rambo-First-Blood

Rambo: Mi scusi. Può dirmi dove... dove abita Delmar Barry?
Signora: Qui non c'è. [a suo figlio] Tesoro, tu va dentro...
Rambo: Ah, è un amico mio... anzi guardi... quest'indirizzo me l'ha scritto lui... ecco... ecco qua. Lo vede anche lei? È la calligrafia di Delmar. C'ho messo un sacco di tempo a trovare questo posto.
Signora: Sì, è la sua calligrafia.
Rambo: Gliel'ho detto, è un mio amico. Ah, io mi chiamo John Rambo. Eravamo nella stessa squadra in Vietnam. Non so se le ha mai parlato di me. Ho una fotografia... di noi due insieme... se la trovo... con tutta questa roba in tasca... ecco... eccola qua. [mostrando la foto] Ecco. Questo sono io, questo è Danford, Westmore, Bronson, Ortega... e questo è Delmar, dietro a tutti. L'abbiamo dovuto mettere dietro perché... è così grosso, senno ci copriva tutti. Guarda quant'è grosso...
Signora: Delmar se n'è andato.
Rambo: Ah... e quando? A che ora ritorna?
Signora: È morto.
Rambo: Cosa?
Signora: È morto da sei mesi.
Rambo: E come?
Signora: Di cancro. Se l'è portato dietro dal Vietnam, con quei gas che spargevano dappertutto. Era ridotto che sembrava uno scheletro. Lo prendevo in braccio per rifargli il letto.
Rambo: Mi dispiace... mi spiace.
Potevo ucciderli tutti, potevo uccidere anche te. In città sei tu la legge, qui sono io. Lascia perdere. Lasciami stare o scateno una guerra che non te la sogni neppure. Lasciami stare, lasciami stare.
Rambo

Potevo-ucciderli-tutti-potevo-uccidere-anche-te-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Non ho amici tra i civili.
Rambo

Non-ho-amici-tra-i-civili-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Non vogliamo vagabondi qui da noi.
Sceriffo Teasle (Rambo)

Non-vogliamo-vagabondi-qui-da-noi-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Io lo sapevo che non era un tipo comune!
Mitch (Rambo)

Io-lo-sapevo-che-non-era-un-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Vuole combattere una guerra che non può vincere?
Trautman (Rambo)
Capopattuglia chiama Corvo, rispondi Corvo…rispondi Corvo…Capopattuglia a Corvo…rispondi Johnny…Capopattuglia chiama squadra B…Rambo, Messner, Ortega, Coletta, Yorgensen, Barry, Krakauer, confermare… qui’ il Colonnello Trautman, rispondimi Johnny
(Rambo)

Capopattuglia-chiama-Corvo-rispondi-Johnny-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Squadra B tutti morti Signore
(Rambo)

Squadra B-tutti-morti-Signor-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Nei reparti speciali noi insegniamo a restare vivi nel fare il proprio dovere.
Trautman (Rambo)
Farlo cadere in trappola? È come portare dei passerotti a un gatto.
Trautman (Rambo)
Dio solo sa cos’altro è capace di fare.
Trautman (Rambo)

Dio-solo-sa-cosaltro-e-capace-di-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Io prendo quel figlio di puttana! E dopo che l’ho preso la medaglia al valore gliela appunto sulle palle!
Sceriffo Teasle (Rambo)

Io-prendo-quel-figlio-di-puttana-E-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

[Epitaffio] Qui giace John Rambo: decorato con la medaglia al valore del Congresso, sopravvissuto a innumerevoli missioni dietro le linee nemiche, ucciso per vagabondaggio in un paese di stronzi. (Trautman)
(Rambo)
Orval: E va bene, diamogli la caccia.
Preston: Diamogli la caccia? Mica siamo noi che gli diamo la caccia, è lui che ce la dà!
Rambo (First Blood)

E-vorrebbe-dirmi-che-duecento-uomini-contro-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Sceriffo Teasle: E vorrebbe dirmi che duecento uomini contro il suo Marine sono nella posizione di non poter vincere?
Trautman: Se ci manda tanti uomini non dimentichi una cosa.
Sceriffo Teasle: Che cosa?
Trautman: Una buona scorta di barelle.
Rambo (First Blood)

Rambo-Per-lei-Per-me-la-vita-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Trautman: Pensa bene a quello che fai. Tutta la zona è circondata, non hai via di scampo. Ci saranno almeno duecento uomini là. Sei riuscito a scatenare questa tua guerra personale. Hai già fatto abbastanza danni. Questa missione è finita, Rambo. Capito che ho detto? Questa missione è finita! Guardali là fuori. Guardali! Se non la smetti subito ti uccideranno. È questo che vuoi? È finita Johnny. È finita!
Rambo: Non è finito niente. Niente! Non è un interruttore che si spegne! Non era la mia guerra! Lei me l’ha chiesto, non gliel’ho chiesto io! E ho fatto quel che dovevo fare per vincerla, ma qualcuno ce l’ha impedito! E il giorno che torno a casa mia, trovo un branco di vermi all’aeroporto che m’insultano, mi sputano addosso, mi chiamano assassino e dicono che ho ammazzato vecchi e bambini. E chi sono per urlare contro di me, eh?! Chi sono, per chiamarmi assassino, se non sanno neanche che cavolo stanno strillando?!
Trautman: Sono brutti momenti per tutti, Rambo, ma è finita ormai.
Rambo: Per lei! Per me la vita da civile non esiste! In guerra c’è un codice d’onore: io copro te e intanto tu copri me. Qui non c’è niente!
Trautman: Tu sei l’ultimo di un gruppo scelto, non finire in questo modo.
Rambo: Io là pilotavo gli elicotteri, guidavo un carro armato, rispondevo di attrezzature per milioni, qua non riesco neanche a trovare lavoro come parcheggiatore!
Ma perché? Perché? Dove sono finiti… i miei amici, dove sono finiti? Dove sono finiti tutti quei ragazzi? Dove sono finiti loro? Avevo tutti quei compagni intorno, erano amici miei, qui non c’è più nessuno. Si ricorda di John Voli? Mi disse “quando torniamo compriamo cento biglietti della lotteria, vinciamo un mucchio di soldi e ce ne andiamo a Las Vegas”. Non faceva che parlare di Las Vegas… e di comprarsi una macchina, una Chevrolet rossa decappottabile. Lui parlava sempre di quella macchina, diceva che ci voleva correre fino a che si consumavano le gomme… Noi stavamo in un granaio, arriva un ragazzino, con la sua scatola da lustrascarpe e, entra e dice “io lucidare prego, lucidare”. Io ho detto di no ma quello continuava a chiedere e John ha detto di sì. E io, io sono andato a prendere un paio di birre. In quella scatola c’era l’esplosivo e quando lui l’ha aperta, il suo corpo è volato in aria in tanti pezzi. Era steso lì e urlava come una bestia e io avevo i pezzi della sua carne maciullata addosso, e ho dovuto, ho dovuto togliermeli da solo. Avevo i pezzi di carne del mio amico addosso, il sangue e tutto il resto. Cerco di rimetterlo insieme, ma le sue budella mi scappano sempre fuori. E nessuno mi aiuta, non c’era nessuno, e lui fa “voglio andare a casa, voglio tornare a casa”, e continua a ripeterlo “voglio andare a casa, Johnny, voglio guidare, andare sulla Chevrolet”, e io non riesco neanche a trovare, a trovare le sue gambe. Non posso dimenticarlo, e sono passati sette anni, e succede tutti i giorni. Certe volte mi sveglio e non so neanche, non so neanche dove mi trovo. Non parlo con nessuno, a volte per giorni, per settimane, ma, come è possibile? Come è possibile? Non posso dimenticarlo, non posso, che devo, che, che devo fare? Che cosa devo fare? Che cosa devo fare?
Rambo (First Blood)

Allora-vedo-che-non-ha-capito-Io-Rambo-First-Blood-Sylvester-Stallone

Sceriffo Teasle: Come ha fatto Dio in cielo a fare un uomo come Rambo?
Trautman: Non è stato Dio a fare Rambo, l’ho fatto io.
Sceriffo Teasle: Lei chi cavolo è?
Trautman: Sono Trautman… Colonnello Samuel Trautman.
Sceriffo Teasle: Abbiamo un po’ da fare stamattina colonnello. Che posso fare per lei?
Trautman: Sono venuto a prendere il mio ragazzo.
Capitano Kern: Il suo ragazzo?
Trautman: L’ho reclutato io. L’ho addestrato io. L’ho comandato in Vietnam per tre anni sceriffo. Quindi posso dire che è mio.
Sceriffo Teasle: E coma mai il pentagono ha mandato addirittura un colonnello a occuparsi di questa storia?
Trautman: L’esercito ritiene che io possa aiutarvi.
Sceriffo Teasle: Ah beh… non vedo in che modo! Rambo è un civile adesso. È un problema mio!
Trautman: Allora vedo che non ha capito. Io non sono qui per salvare Rambo da voi. Io sono qui per salvare voi da lui.
Sceriffo Teasle: Ah beh… noi tutti apprezziamo la sua offerta colonnello. Cercheremo di tenere gli occhi aperti.
Trautman: Sono sorpreso che abbia lasciato in vita qualcuno di voi.
Sceriffo Teasle: Davvero?
Trautman: Teoricamente lui ha fallito. Lei è fortunato ad essere vivo.
Sceriffo Teasle [irritato]: Questa è bella! Lei è venuto qui per sapere come mai una delle sue macchine ha fatto cilecca!
Trautman: Sembra che lei non voglia accettare il fatto di avere di fronte un esperto di tecniche di guerriglia; un uomo che è il migliore con i fucili, con i coltelli, a mani nude anche. Un uomo addestrato ad ignorare il dolore, ad ignorare il freddo, a vivere di quello che trova, a mangiare cose che farebbero vomitare una capra. In Vietnam il suo compito era di sbarazzarsi del nemico, di uccidere punto e basta, di vincere aggredendo. Be’, Rambo era il migliore!
Rambo (First Blood)

Sylvester Stallone è scelto per la parte di Rambo in virtù della parte e del successo già guadagnato con Rocky; per questo film venne pagato 3,5 milioni di dollari. Anche altri attori furono considerati per il ruolo di Rambo tra cui Tomas Milian, Clint Eastwood, Al Pacino, Robert De Niro, Paul Newman, Nick Nolte, Dustin Hoffman, Michael Douglas, Steve McQueen (rinuncia per questione di età) e Terence Hill (che rinuncia alla parte considerando il film troppo violento).
Per il ruolo dello sceriffo Teasle vennero considerati anche gli attori Gene Hackman (rifiuta) e Robert Duvall (rifiuta); per il ruolo del Colonnello Trautman, dato in ultimo a Richard Crenna, furono esaminati Lee Marvin (rifiuta), Kirk Douglas (disaccordo sulla sceneggiatura del finale rispetto alla versione del romanzo) e Rock Hudson (rinuncia per motivi di salute, intervento chirurgico al cuore).
Stallone contribuirà personalmente alla sceneggiatura del film rendendo il protagonista Rambo meno violento e sanguinario rispetto alla versione del romanzo di Morrell: le morti degli inseguitori narrate nel romanzo non avverranno nel film (Rambo causa indirettamente la morte di un solo agente). Anche il finale del film sarà in ultimo riadattato rispetto alla versione del libro: Rambo non morirà per mano del Colonnello Trautman (la scena fu realizzata ma poi rimpiazzata della nota conclusione).