Scusate il ritardo – Troisi

Cover-Copertina-Scusate-il-ritardo-Troisi

Scusate il ritardo. Film del 1982 diretto e interpretato da Massimo Troisi.

Il titolo del film è un riferimento sia al tempo trascorso dal precedente film (Ricomincio da tre, del 1981) sia ai diversi tempi dell’amore, alla non sincronia dei rapporti di coppia ed alle dinamiche che coinvolgono gli amanti nell’evolversi della relazione affettiva rispetto alle diverse sensibilità di ciascuno di essi nel confrontarsi sulle questioni che inevitabilmente emergono nello stare assieme.

Vincenzo-Ho-capito-Sommessamente-Cioe-io-in-classe-mia-quando-andavo-a-scuola-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

Vincenzo [Presentandosi ad Anna, avvertito da Patrizia che lei era la prima della classe] : Chee… Che stavi… Stavate a scuola insieme con mia sorella Patrizia?
Anna: Sì abbiamo fatto il… il quarto insieme.
Vincenzo: Ho capito [Sommessamente]… Cioè, io, in classe mia, quando andavo a scuola io che stavo, in classe mia ero il terzo.. come ordine… Cioè quando dice è il primo della classe, io ero il terzo… Cioè mica è… È male… Buono… Cioè eravamo trenta, stavamo trentuno, non mi ricordo… Essere il terzo che… Mi ricordo chi ci stava, ci stava Cimino, Balocco poi venivo io. Cimino studiava, cioè uno proprio, sa’, chilli là… preciso, Cimino… Sempre… Presente, sempre… Balocco, cioè, era un po’ raccomandato, ma no perché veniva prima di me, io dico sinceramente se ero il quinto, sesto, settimo, io cioè… Era racc.. ‘O sapevano tutti, era il nipote del segretario, allora sai, a quest’ora erano d’accordo no? Ah, specialmente quella là di geografia, proprio d’accordo e ogni… “Balocco dimmi un argomento a piacere, Balocco dimmi un argomento a piacere”, era… E lui conosceva sempre il Giappone, oh e siamo stati tre anni insieme, terza, quarta e quinta, oh, in geografia Balocco sempre interrogato sul Giappone, che poi s’era imparato due, tre cose no? E diceva sempre chelle, ah, cioè: “Dimmi un argomento a piacere, che vuoi parlare?”, “il Giappone” e cominciava, di getto, no: “Il Giappone, i giapponesi sono bassi ma di pronta intelligenza”, basta! ‘A professoressa, ma proprio p’chè erano d’accordo cont ‘u segretario, “Va bene, va bene vedo che sei preparato, vai al posto”, hai capit’? Subbito, ma se per esempio lui doveva dire la densità oppure le risorse minerarie del Giappone lui n’ ‘e sapeva, solo il Giappone, i giappones’ so’ bass’ ma di pronta intelligenza…
Scusate il ritardo

Tonino: Vincè, io mi uccido: meglio un giorno da leone che cento giorni da pecora! O no Vincè? Meglio un giorno da leone!
Vincenzo: Tonì, che ne saccio io d’ ‘a pècura o d’ ‘o lione? Fa’ cinquanta juórne da orsacchiotto!
Scusate il ritardo

Tonino: Io ho capito pure perché mi ha lasciato, Vincè. Tu…tu quando baci come baci, con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Vincè, con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi?
Vincenzo: Tonì nun me ricordo! Chiusi, jà…
Tonino: Chiusi! Chiusi! Perché quando ci sta la passione, l’amore, uno sta con gli occhi chiusi. Invece quando io stavo con Marisa, andavo vicino a lei, la baciavo [si avvicina a Vincenzo come per baciarlo], la baciavo e quando aprivo gli occhi, la trovavo con gli occhi aperti.
Vincenzo: Tonì, fàtte cchiù allà! Sta ‘a gente, passa mia madre…
Tonino: Sta’ a sentì! E…e sai che cosa mi diceva? Mi guardava con gli occhi aperti così e diceva: “Tonino, ma come sei strano visto così da vicino!”. “Strano”… Che significa “Strano”? “Strano” è ‘na parola ca nun vuol dire niente. Dici quello che stai pensando! Dici: “Tonino, come sei brutto visto da così vicino!”. E allora uno…già è…è sincerità!
Scusate il ritardo

Tonino-E-non-fa-niente-tengo-limpermeabile-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

Vincenzo: Tonì, jammuncénne â casa, sta chiuvenno!
Tonino: E non fa niente, tengo l’impermeabile.
Vincenzo:Eh, tu ‘o tiene, ma io no…
Scusate il ritardo

Vincenzo-No-che-centra-mica-voglio-dire-che-la-Madonna-e-nun-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

Don Pietro: Allora venite solo voi, signora Assunta?
Assunta: Per forza, don Pietro, chella Patrizia tene a criatura, a chi ‘a lascia?
Don Pietro: E i giovanotti?
Alfredo: No, grazie padre, io parto.
Don Pietro: Vince’?
Vincenzo: Cioè, dove? Je nun saccio niente…
Assunta: Come non sa niente, bugiardo! Je te l’aggia ditto, a vedere la Madonna che piange.
Vincenzo: M’è ditto a me da Madonna che chiange? Ma quanno mai!!
Assunta: A verità è che a te non ti smuovono nemmeno i miracoli!
Don Pietro: Eh no, non parliamo di miracoli, il vescovo non si è ancora pronunciato e poi c’è la dichiarazione di un professore di Napoli il quale ha detto che le lacrime potrebbero essere la trasudazione del legno stesso avvenuta per un improvviso cambiamento di temperatura.
Assunta: E guarda a cumbinazione stu legno trasudava proprio al posto degli occhi […] Ce vulesse parla’ je cco sto professore.
Don Pietro: Va bene, poi si vedrà. Allora venite solo voi?
Assunta: Sì.
Don Pietro: Vince’?
Vincenzo: No padre, cioè l’ho detto già, non è per cattiveria che non voglio venì, è nu periodo che proprio non.. loro lo sanno. Mi sento abbattuto, triste, non lo so, nun c’ ‘a faccio a vede’ altra gente che piange, veramente…
Don Pietro: Come gente? A’ Madonna che è, gente?
Vincenzo: No, che c’entra, mica voglio dire che la Madonna è.. nun c’ha facc, è nu fatt mio, cioè so’ io che sto così, e voglio vede’ gente nu pocu cchiù… ca se fa… Sinceramente, se rideva ci venivo.
Don Pietro: Sì, la Madonna rideva…
Vincenzo: Perché? Sempre miracolo è. Cioè na statua o ride o piange è nu miracolo. Però non lo so, pare che.. uno che va a vere’ te miette… Non lo so, secondo me era meglio pure per voi, perché accussì o professore e’ Napoli s’aveva sta’ sulu zitto, perché il legno può trasudare mica può ridere. Si è mai visto un albero o una sedia che per improvviso cambiamento di temperatura: “Ahahah!” L’albero cca seggia: “Hai visto? È cambiato il tempo!” No, perché è impossibile.
Scusate il ritardo

Vincenzo-Come-no-No-E-mai-visto-ca-mi-so-dato-na-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • Anna: Mi piace fare l’amore con te.
  • Vincenzo: Anche a me.
  • Anna: E allora perché non me lo dici mai?
  • Vincenzo: Che significa? Se lo faccio, ca lo facciamo accussì, vuol dire che mi piace, no?
  • Anna: Eh no.
  • Vincenzo: Come no? No. È mai visto ca mi so’ dato ‘na martellata sulla mano o mi so’ tagliato un orecchio? No. Sai perche? Perché non mi piace. È normale, Senza che uno ha da’ dicere tutt’e cose. Certe cose vanno da sé. Se uno capisce capisce.
Scusate il ritardo

Allora-je-so-scemo-A-vita-sadda-piglia-comme-vene-io-a-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • Chillo Alfredo è fortunato! chesta è nà famiglia triste… chillo se mette a fà l’attore comico, piglie e gli riesce! comme ‘a chiami tu chesta mà… è sciort, furtuna
  • • aaah Viciè, ‘a vita s’adda piglià comme vene!
  • • Allora je so scemo? ‘A vita s’adda piglià comme vene… io ‘a piglio comme và? Io ‘a piglio comme vene, solo che a me me vene sempe ‘na chiavica, guarda a cumbinazion!
Scusate il ritardo

Un-attimo-sta-salendo-lei-chi-e-Debora-con-lacca-finale-vabbe-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • Un attimo sta salendo, lei chi è? Debora? con l’acca finale? vabbè sempre Debora è … l’acca è muta sennò sarebbe Debora ah
Scusate il ritardo

Je-quando-vado-al-telefono-aggia-‘i-rilassato-nun-aggia-inventa-altrimenti-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • Je quando vado al telefono aggia ‘i rilassato, nun aggia inventà altrimenti facite risponnere a Leonardo Da Vinci!
Scusate il ritardo

Senti-Alfredo-cioe-nuje-avimme-pensato-tutte-quante-nuje-i-figli-tutte-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • Senti Alfredo, cioè, nuje avimme pensato, tutte quante nuje, i figli, tutte quante accussì, avimme pensato, poiché venerdì è o’ compleanno e’ mammà, no? Non lo so, ce vulévemo fa’ nu regalo, tutte quante insieme, no? E niente, avimmo penzato e’ ‘nce fà ‘a televisione, sta sempre annanz’ a televisione, però tiene chille colori ca… a televisione fa ‘nu poco… E… niente, avimmo penzato e ‘nce fà tutte quante nuje, Patrizia e tutte cose, insieme mettévemo 5.000 lire io, 5.000 lire Patrizia e ‘nu milione e due tu…
  • • Ahh Vincè! Allora sai che c’è di nuovo… tenitaville ‘e cinquemilalire! caccio tutto così…
  • • Noo che significa tenitaville…e na’ cosa tutti quanti noi…cioè se poi tu vuoi fare una cosa tua personale, cioè un pensiero tuo …a parte, va bene o’ fa.
Scusate il ritardo

No-ma-tu-ormai-stai-sistemato-non-hai-bisogno-dei-nipoti-io-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • Valeria basta! se non la smetti ti faccio mangiare da zio Vincenzo…
  • • Ma pecchè gli ‘a dicere sti cose ‘a guagliona?!
  • • Scusa Vincè, è che di qualcuno s’adda mettere paura..
  • • e s’adda mettere paura proprio ‘e me? Pò quanno cresce mi odia.. falla magnà ad Alfredo…
  • • Pecchè, a me me pò odia?
  • • No, ma tu ormai stai sistemato, non hai bisogno dei nipoti, io invece un domani che ne sai.. mi serve qualcosa ‘a uagliona dice; no, a zio Vincenzo lo odio perchè da piccola mi dava i morsi.. siente a me, è meglio ca t’a magne tu!
Scusate il ritardo

No-chi-ta-ditte-che…-puoi-dire-pure-una-bugia-tanto-siamo-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • …io ha deciso che… io torno a Perugia
  • • Se mi vuoi ancora bene, se stai bene cu me e cose… non partire
  • • Vincenzo non lo so… se devo essere sincera…
  • • No! chi t’a ditte che… puoi dire pure una bugia tanto siamo tutti e due chi se ne accorge… cioè non lo so… resta…
Scusate il ritardo

Ma-‘sti-contadini-so-cose-‘e-pazzi-Professo-Pur-quando-io-ieva-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • Un contadino si reca al mercato per vendere tre sacchi di farina da chilogrammi 71 e sei dozzine di uova. Durante le operazioni di scarico uno dei sacchi, cadendo sulle uova, ne rompe la metà. Se la farina costa lire 15 al chilogrammo e le uova cinque l’una, e di tutta la merce ne è stata venduta la metà, quanti soldi ha portato a casa il contadino, tenendo conto che dalla tasca bucata ha perduto lire 35?
  • • Ma ‘sti contadini so’ cose ‘e pazzi Professo’? Pur quando io ìeva a scòla… i cuntadini nun si so mai trovati che cunt’. Mai, so’ passati tanti anni. Ancora sann’amparà? cioè, sacco di farina da na parte, uova n’atra parte. […] È colpa loro Professo’, secondo me è colpa a loro se l’agricoltura è iùta sott’ ancora … nessuno chiù vuo’ più faticare a terra.
Scusate il ritardo

No-non-sei-svenuta-come-una-stupida-anzi-sei-svenuta-intelligentem-bene-Scusate-il-ritardo-Massimo-Troisi

  • • No, non sei svenuta come una stupida… anzi, sei svenuta intelligentem… bene, sei svenuta bene
Scusate il ritardo